Il futuro dell'Italia ai Vecchi. Il fallimento delle donne e dei giovani

Ecco l'Italia! Bersani sicuro candidato a capo del Governo nel 2013, Berlusconi ha detto che lui ci sarà alle Politiche (al 99%), Monti potrebbe essere della partita. Tre Vecchi per la nuova Italia. Da vergogna assoluta! I giovani. I giovani, soprattutto loro, quelli oltre i 18 anni, cosa fanno? Lavorano, studiano, discorrono con i coetanei del loro futuro che non ci sarà. Almeno come loro stessi lo sognano. In tantissimi perdono tempo, tanto tempo, sui Social Network. Se il loro cervello è pieno, resta pieno; se il loro cervello è pieno per metà, diventa certamente vuoto, scrivendo banalità di ogni genere sui diversi Social. I ragazzi arretrano sempre di più di fronte alla battaglia. Non avanzano. Mai. Loro, i giovani di questa Italia, avevano una sola opportunità: quella della rivoluzione. La rivoluzione si fa contro tutto e tutti. E, allora... Allora, una volta che si presenta un giovane come Renzi, che vuole, a modo suo cambiare il Paese (anche lui ha scheletri nell'armadio, sia chiaro), tutti - mi riferisco a voi giovani, noi vecchi non cambiamo, non vi fidate di noi, abbiamo tante abilità per fregarvi -, da destra, centro e sinistra, e non pensando alla loro ideologia, avrebbero dovuto investire nella preferenza di protesta. In Renzi il giovane. A prescindere da cosa, poi, sarebbe potuto succedere. Solo perché è un giovane. L'unico in corsa tra i vecchi. Non l'hanno fatto in molti. Per chi vota, la rivoluzione doveva essere messa in pratica in tale modo, democraticamente. Ora teniamoci i Vecchi, che ci fregheranno, ancora una volta, facendosi circondare da giovani sì, ma scelti da loro. E... Continua a leggere



Commenti